Bonus Elettrodomestici 2020: Senza Ristrutturazione? Come funziona e Cosa Comprende

La spesa per gli elettrodomestici nuovi, quando si acquista casa oppure la si ristruttura, é sempre una voce onerosa del budget di spesa ma per fortuna fino al 31 dicembre 2020 é attivo il cosiddetto bonus elettrodomestici senza ristrutturazione 2020. In che cosa consiste e chi ne ha diritto? Ecco tutto quello che devi sapere sull’argomento.

Cos’è il bonus elettrodomestici 2020

Con la dicitura bonus elettrodomestici 2020 si intende una voce della legge di bilancio 2020 con la quale è stato prorogato per altri 12 mesi il bonus che era già previsto nello scorso anno e riguardava l’acquisto di elettrodomestici nuovi. Grazie a questo incentivo, infatti, puoi portare a detrazione nella tua prossima dichiarazione dei redditi tutte le spese effettuate per l’acquisto di elettrodomestici di classe A+ e successive (oppure almeno A per i forni) in relazione alla ristrutturazione o meno della casa.

L’obiettivo del legislatore è chiaramente quello di incentivare uno svecchiamento del parco elettrodomestici che c’è in Italia, spingendo gli utenti ad affidarsi a prodotti che abbiano una classe energetica più sostenibile e meno inquinabile. Non tutti gli acquisti di elettrodomestici, però, possono usufruire di questo bonus ma solo quelli che sono legati alla ristrutturazione dell’appartamento oppure all’acquisto dello stesso: questa particolare circostanza è molto importante perché si rischia di perdere l’agevolazione.

Come funziona

Il bonus elettrodomestici 2020 ha davvero un funzionamento molto semplice. A partire dal primo gennaio 2019 e fino al 31 dicembre 2020, se acquisti un elettrodomestico classificato A+ e livelli superiori e lo paghi con un sistema tracciabile, puoi richiedere la detrazione dell’importo speso nella misura del 50% del suo valore nella successiva dichiarazione dei redditi. La spesa totale non può essere superiore ai 10mila euro e la detrazione viene spalmata in dieci anni quindi in dieci rate di pari importo (fino ad un massimo di 1000 euro).

bonus elettrodomestici 2020
Bonus elettrodomestici 2020

La condizione necessaria, come hai potuto leggere, è che però l’appartamento per il quale si acquista questo elettrodomestico sia stato comprato da poco e/o che siano stati fatti almeno l’anno precedente dei lavori di ristrutturazione che siano compresi in una di queste casistiche: manutenzione straordinaria dell’appartamento o del condominio oppure manutenzione ordinaria ma solo del condominio; risanamento o restauro conservativo della casa; infine ricostruzione dell’immobile che è stato danneggiato ma esclusivamente se precedentemente è stato dichiarato lo stato di emergenza

Chi può richiedere il bonus elettrodomestici 2020

Così come esistono delle casistiche ben specifiche senza le quali il bonus non può essere richiesto, così solo alcuni soggetti possono richiedere il bonus per l’acquisto dei nuovi elettrodomestici. Se sei il proprietario dell’appartamento oppure ne hai la nuda proprietà, puoi richiedere senza indugi questa agevolazione, così come se sei titolare di un contratto di affitto o di un comodato d’uso dell’appartamento. Anche il socio di cooperativa oppure una società semplice possono aver diritto a questo bonus, purché l’immobile in questione non sia ad uso strumentale.

Una novità molto interessante è che il bonus non spetta solo a chi è titolare di questo diritto sull’immobile ma anche all’eventuale coniuge, ai parenti purché siano entro il terzo grado e agli affini entro il secondo, ovviamente a patto che siano conviventi con l’avente diritto. Solo chi risiede in Italia può richiedere l’agevolazione oppure coloro che, pur non avendo residenza stabile nel Paese, sono comunque assoggettati al pagamento dell’Irpef italiano.

Cosa comprende

Il bonus elettrodomestici 2020 è relativo all’acquisto esclusivo dei grandi elettrodomestici come lavatrice, forno, lavasciuga, frigorifero purché abbiano una classe energetica contraddistinta almeno dal livello A+ e A esclusivamente nel caso del forno. Rientrano nelle detrazioni pure il piano cottura, la lavastoviglie, le caldaie e gli strumenti per la climatizzazione dell’appartamento. Non sono compresi altri tipi di prodotti che possono essere di uso quotidiano come ad esempio i fornetti elettrici, i frullatori e altri piccoli elettrodomestici da cucina.

Come richiedere il bonus

È importante conoscere l’esatta procedura per la richiesta del bonus elettrodomestici 2020 perché, in caso di errore, si rischia la possibilità di accedere alla detrazione. La detrazione va richiesta in sede di dichiarazione dei redditi relativa all’anno di acquisto degli elettrodomestici, purché lo stesso abbia le caratteristiche che conosci e che il suo pagamento sia stato effettuato con un metodo tracciabile.

Precedentemente, però, tutti i dati devono essere stati comunicati all’ENEA altrimenti non hai diritto alla detrazione. Nella dichiarazione dei redditi per la relativa voce di spesa dovrai allegare la ricevuta del pagamento, la fattura di acquisto dell’elettrodomestico dal quale possibilmente si evinca la classe energetica, infine la dichiarazione che comprova i lavori di ristrutturazione (che possono essere stati svolti anche precedentemente ma comunque non prima del primo gennaio 2019) o l’acquisto dell’appartamento per il quale hai comprato di elettrodomestici in detrazione. In caso di dubbio non esitare a chiedere aiuto al tuo commercialista per la compilazione della domanda.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here