Carta SIA 2020: Cos’è, Come Funziona e Come Richiederla

La carta SIA, acronimo di Sostegno per l’inclusione Attiva è uno strumento che ha come obiettivo quello di constrastare la povertà economica, ciò avviene attraverso l’assegnazione di un sussidio economico mediante appunto l’utilizzo di una carta elettronica apposita con la quale è possibile acquistare dei beni che siano considerati di prima necessità. Ripercorreremo in breve il percorso che l’ha portata ad essere trasformata prima in carta REI e successivamente in RdC.

Leggi di riferimento e modifiche

Bisogna a questo punto fare un po’ di chiarezza sulle modifiche che sono state effettutate negli anni per capire come poter richiedere adesso la nuova carta SIA 2020. La legge che regola l’emissione del SIA è quella del 28 Dicembre 2015 n.208 regolata dal Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali.

Per ottenere i benefici economici della carta si doveva obbligatoriamente prendere parte ad un progetto personalizzato sull’attivazione sociale/lavorativa e non riguardava solo la persona che la richiedeva ma tutto il nucleo familiare a cui si appartiene e questo comprendeva tra le varie attività progettuali la partecipazione alla vita scolastica, la ricerca di un lavoro o la partecipazione ad un progetto formativo tutto con lo scopo di aiutare le famiglie a riuscire a diventare un nucleo autonomo dal punto di vista economico e sociale.

Il SIA aveva una durata di 12 mesi con cadenza bimestrale, e l’importo mensile era suddiviso in base ai nuclei familiari, il minimo era rappresentato da 1 membro per un corrispettivo di 80€ mensili, il massimo da 5 o più membri per un corrispettivo di 400€ mensili Dal 1° Gennaio 2018 secondo il decreto legislativo del 15 settembre 2017 il SIA non poteva più essere richiesto ma dal 1° Dicembre 2017 la SIA venne trasformata in REI.

Da SIA a REI: cosa è cambiato?

Sostanzialmente, non molto a parte il nome. Il REI (Reddito di Inclusione) rimane attivo fino al 1° Marzo 2019 ai sensi dell’articolo 13 del decreto legge 28 Gennaio 2019 che istituisce il Reddito di Cittadinanza. Il REI così come la SIA era diviso in due parti: una parte di sussidio economico erogata attraverso una carta di pagamento elettronica e la parte riguardante il progetto personalizzato al quale aderire.

carta sia 2020
Carta SIA 2020

La differenza principale era riferita al periodo di estensione della richiedesta non più di 12 mesi ma esteso a 18 mesi con la possibilità di rinnovarlo dopo 6 mesi dalla scadenza e rispetto ai i benefici economici: il REI ha come principio quello di integrare fino una soglia le risorse delle famiglie. In questo caso per un solo componente del nucleo familiare l’attribuzione economica massima mensile era pari a 187,5€ (per una soglia di di riferimento di 2.250€) e così fino a 6 o più componenti del nucleo con un’attribuzione massima mensile di 547,96€.

Da REI a RdC

Dal 1° Marzo 2019 il REI, non può più essere richiesto e da Aprile 2019 non viene nemmeno più rinnovato. Si passa così al Reddito di Cittadinanza. Esso viene introdotto con un decreto legge del 28 Gennaio 2019. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare possiedano un’età maggiore ai 65 anni questo prenderà il nome di Pensione di Cittadinanza (PdC).

Come funziona e come richiederlo

Il Rdc o PdC viene erogato come nei precedenti casi mediante l’utilizzo di una carta elettronica (Carta di Reddito di Cittadinanza). I passaggi per beneficiare del Reddito sono essenzialmente:

Recarsi all’interno di un Centro per l’Impiego per sottoscrivere il Patto per l’inclusione sociale e la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (la DID).

Prescrivere il Patto per l’inclusione sociale se nel nucleo familiare vi sono componenti disoccupati da meno di due anni.

Impegnarsi attivamente nella ricerca lavorativa.

Non rifiutare più di 3 volte i lavori proposti.

I requisiti richiesti sono anche di cittadinanza e residenza, nel dettaglio:

  • Bisogna essere cittadini italiani o appartenenti all’UE.
  • Cittadini di paesi terzi ma aventi il permesso di soggiorno UE di lunga durata.
  • Cittadini di paesi terzi con diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente.

Inoltre è necessario che colui che chiederà il RdC abbia la residenza in Italia da almeno dieci anni e non essere soggetto a misure cautelative.

Potete richidere il Rdc o Pdc, a partire dal sesto giorno del mese presentando la domanda:

  • negli uffici di Poste Italiane
  • utilizzando il portale www.redditodicittadinanza.gov.it
  • presso i Caf e patronati.

Durata del reddito e importo

La durata del reddito di cittadanza è pari a 18 mesi con possibile rinnovo non appena sia trascorso un mese dalla sua scadenza. Nel caso della Pensione di Cittadinanza è previsto un rinnovo automatico senza l’obbligo di presentare una nuova domanda. La soglia ISEE per il reddito di cittadinanza passa da 6.000 a 9.360€. Il tetto massimo per una sola persona nel nucleo familiare è di 780€.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here