Coinbase lancia rendimenti DeFi ad alto interesse in 70 paesi

L’exchange di criptovalute Coinbase ha annunciato che i clienti in oltre 70 paesi sono in grado di guadagnare con le loro partecipazioni in criptovalute attraverso il mondo della finanza decentralizzata (DeFi). “Stiamo rendendo DeFi più accessibile, consentendo ai clienti idonei in oltre 70 paesi di accedere ai rendimenti interessanti dei prestiti DeFi sui loro DAI senza commissioni, blocchi o problemi di configurazione”, ha affermato Coinbase in una dichiarazione preparata.

Rendere DeFi più accessibile

Al centro di questa mossa c’è il desiderio di Coinbase di rendere DeFi “più amichevole e accessibile per il cliente”. Utilizzando la stablecoin DAI, i clienti possono optare per guadagnare rendimento DeFi. Le partecipazioni DAI dei clienti saranno depositate presso Compound Finance, che Coinbase descrive come un protocollo DeFi “leader del settore”. L’interesse su questo rendimento è, tuttavia, variabile.

Coinbase
La piattaforma Coinbase

Ad esempio, in ottobre, le tariffe di Compound per la fornitura di DAI hanno oscillato tra il 2,8% e il 5,3%. “I tassi più elevati riflettono sia l’accesso unico alla liquidità globale che l’aumento del rischio che può derivare dalla DeFi”, ha affermato Coinbase. Nonostante questo rischio, Coinbase rimane ottimista sulla promessa della DeFi. “DeFi ha un enorme potenziale per aiutare ad aumentare la libertà economica e siamo entusiasti di poter fornire un modo affidabile e accessibile per partecipare”, ha aggiunto lo scambio.

C’è, tuttavia, un’evidente omissione in questo annuncio. Nonostante l’implementazione dei servizi in 70 paesi idonei, comprese le principali economie come la Germania e il Regno Unito, il rendimento DeFi di Coinbase non è ancora disponibile per i clienti negli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti, Coinbase e DeFi

A settembre, il CEO di Coinbase Brian Armstrong si è rivolto a Twitter per sfogarsi in mezzo a una minaccia della SEC per citare in giudizio l’exchange se avesse lanciato il suo prodotto redditizio chiamato Lend. “Un comportamento davvero abbozzato uscito dalla SEC di recente”, ha detto Armstrong, lamentandosi del fatto che la SEC abbia affermato che Lend di Coinbase sarebbe stata una sicurezza, una posizione per cui è stato ampiamente criticato all’epoca.

“Si rifiutano di dirci perché pensano che sia una sicurezza, e invece citano in giudizio una serie di documenti (rispettiamo), richiedono testimonianze dai nostri dipendenti (rispettiamo), e poi ci dicono che ci faranno causa se procediamo al lancio, senza alcuna spiegazione sul perché”, ha anche detto.

Nel frattempo, la SEC e il presidente Gary Gensler hanno avuto alcune parole scelte per l’industria DeFi. Durante tutto l’anno, Gensler ha ripetutamente alzato la bandiera rossa, affermando che l’industria DeFi, così come il più ampio mondo delle criptovalute, ha bisogno di leggi più solide per la protezione dei consumatori. “Ci sono molti prestiti in corso. Ci sono un sacco di scambi in corso. E senza protezioni, temo che finirà male”, ha detto Gensler a ottobre.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here