Coinbase ottiene il via libera normativo per estendere i servizi di criptovaluta in Italia

Nel tentativo di espandersi in Europa, Coinbase ha annunciato di aver raggiunto una “pietra miliare” in questo percorso, ottenendo l’approvazione delle autorità di regolamentazione italiane.

In una dichiarazione rilasciata il 18 luglio, Coinbase ha affermato che fornirà servizi di criptovaluta ai residenti italiani, aggiungendo: “Il nuovo requisito implementato dall’Organismo Agenti e Mediatori (OAM), ha imposto che tutte le società che offrono servizi di trading, custodia o altri servizi di criptovaluta, soddisfino determinati criteri”.

“Siamo orgogliosi di essere tra le prime società a soddisfare questi criteri”, aggiunge la nota.

L’espansione dell’Europa può aiutare la performance di Coinbase?

L’annuncio arriva in un momento in cui Coinbase Global sta perdendo il suo posto nella classifica dei primi 10 exchange di asset digitali per volume, secondo quanto riportato. Nel frattempo, le voci secondo cui la borsa potrebbe trovarsi di fronte a una crisi di liquidità si fanno sempre più insistenti a causa della decisione di sospendere il programma di affiliazione.

Nonostante ciò, la piattaforma quotata al Nasdaq ha svelato i suoi piani di espansione in Europa, dove è già presente in circa 40 regioni, tra cui Irlanda, Regno Unito e Germania. Nel post sul blog si legge: “Siamo in procinto di rafforzare la nostra presenza in Europa e abbiamo registrazioni o richieste di licenza in corso in diversi mercati importanti, in conformità con le normative locali”.

Nei mesi scorsi, anche il concorrente di Coinbase, Binance, ha annunciato l’approvazione in diversi Paesi europei. In particolare, nazioni come Spagna, Francia e Italia hanno recentemente dato il via libera all’operatività di Binance. Tuttavia, la recente decisione del Parlamento europeo e degli Stati dell’UE di inasprire le regole sulle criptovalute con la nuova legge sui mercati dei cripto-asset (MiCA) può aggiungere ostacoli ai piani di espansione di queste borse.

Sovvenzioni da parte del governo italiano

Nana Murugesan, vicepresidente della divisione International and Business Development di Coinbase, ha dichiarato: “Costruire un rapporto costruttivo con le autorità di regolamentazione in ogni giurisdizione in cui operiamo è incredibilmente importante per portare avanti la nostra missione di aumentare la libertà economica in ogni angolo del mondo”.

“L’ottenimento di questa approvazione normativa è una testimonianza della nostra stretta collaborazione e del positivo rapporto di lavoro con le autorità di regolamentazione finanziaria italiane”, ha aggiunto Murugesan.

La borsa prevede di lanciare in Europa una suite di prodotti Coinbase al dettaglio, istituzionali e dell’ecosistema. Nel frattempo, in Italia, il Ministero dello Sviluppo Economico ha annunciato all’inizio del mese che, a partire da settembre, le società di blockchain potranno richiedere un programma di sovvenzioni governative del valore di 46 milioni di dollari.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here