Come Investire sul Gas Naturale: Azioni, ETF, CFD, Previsioni Future

Il gas naturale rappresenta per molti investitori una soluzione di investimento affascinante. Si tratta, infatti, della forma di energia pulita maggiormente utilizzata per riscaldare gli ambienti ed è ormai al primo posto tra i combustibili per la generazione dell’energia (superando il carbone). Andiamo a scoprire in modo dettagliato come investire nel gas naturale e perché molti la considerano una soluzione di investimento conveniente.

Cos’è il Gas Naturale

Il gas naturale non è altro che una particolare miscela di gas idrocarburico che in natura troviamo allo stato fossile. Prima di essere utilizzato, il gas naturale viene depurato dell’azoto e dell’anidride carbonica (che lo rendono meno infiammabile) e dell’idrogeno solforato, un gas tossico. In altre parole, ciò che rimane è in prevalenza metano, un idrocarburo semplice composto da un atomo di carbonio e da quattro atomi di idrogeno (CH4). ll gas naturale solitamente viene raffreddato allo scopo di favorire la produzione di GNL (Gas Naturale Liquefatto), un gas che facilita lo stoccaggio riducendo i rischi di trasporto.

Secondo la IEA (International Energy Agency), la domanda di gas naturale è destinata a crescere di circa il 30% nei prossimi 20 anni, una previsione che ha iniziato a suscitare forte interesse nel gas naturale anche da parte di trader e investitori.

Cosa Influenza il Prezzo del Gas Naturale

Per capire come si muove il prezzo del gas naturale occorre considerare alcuni elementi fondamentali, come la domanda, l’offerta, l’inflazione e le tasse. In generale le regole sono le stesse di qualsiasi bene scambiato sul mercato: un aumento dell’offerta comporta una riduzione dei prezzi, mentre un un aumento della domanda comporta prezzi più alti.

fattori principali che influiscono sul prezzo del gas naturale dal lato dell’offerta sono tipicamente la quantità prodotta, il livello presente nei depositi e il volume importato ed esportato. Per quanto riguarda invece i fattori che determinano il prezzo dal lato della domanda, si possono menzionare le variazioni climatiche, la crescita economica e la disponibilità degli altri combustibili.

Andamento e Previsioni Future del Mercato

Il gas naturale rappresenta una commodity che nel tempo ha mostrato elevati livelli di volatilità. A fine 2017, alcuni esperti ritenevano che un calo nella produzione avrebbe portato ad una riduzione dei prezzi delle azioni e impennato la domanda, mentre altri analisti ipotizzavano che i prezzi si sarebbero mantenuti costanti. La pandemia Covid-19 scoppiata a marzo 2020 ha contribuito a far sì che i prezzi rimanessero al minimo storico, causando una bassa domanda di commodities energetiche.

Con la ripresa (parziale) dalla pandemia, il prezzo del gas naturale è tornato a crescere nel 2021, per poi schizzare completamente in seguito al conflitto in Ucraina. L’impatto delle quotazioni record è stato enorme, specialmente in Asia e in Europa. L’incertezza sui mercati resta e rischia di scoraggiare gli investitori, per quanto si tratti comunque di una soluzione interessante da mantenere in portafoglio in ottica di diversificazione.

Come Investire sul Gas Naturale
Come Investire sul Gas Naturale

Come Investire in Gas Naturale

Per investire nel gas naturale sono presenti numerosi strumenti finanziari, come le azioni, gli ETF e i derivati. Azioni ed ETF rappresentano due soluzioni ideali per una tipologia di investitore paziente e consapevole dei vantaggi di investire in ottica di lungo termine. Per quanto riguarda i contratti derivati, come CFD e futures, si tratta di asset indirizzati a trader con maggiore propensione al rischio e che sono interessati alla speculazione di breve periodo sul prezzo. Andiamo ad analizzare in modo dettagliato queste tre soluzioni.

Azioni 

La prima soluzione citata per investire nel gas naturale si riferisce alle azioni, uno strumento che richiede sicuramente un alto profilo di rischio, trattandosi di investimento in un’unica società legata al gas naturale. Le 5 azioni più interessati collegate al gas naturale sono:

  • Kinder Morgan
  • EQT Corporation
  • Cheniere Energy
  • Devon Energy
  • Suncor Energy

Per negoziare questi titoli senza commissioni la piattaforma più utilizzata e consigliata è eToro, ormai un vero punto di riferimento per milioni di trader.

ETF 

Gli ETF sono uno strumento molto efficiente per investire in un paniere diversificato di titoli. Tra i principali punti di forza degli ETF, oltre alla ampia diversificazione, non si può trascurare che presentano commissioni molto ridotte rispetto ai fondi comuni.

Esistono numerosi ETF che permettono di investire non soltanto nel gas, ma anche sul petrolio. Tra i migliori ETF sul gas naturale, i più interessanti suggeriti dagli esperti sono:

  • United States Natural Gas Fund
  • ProShares Ultra Bloomberg Natural Gas ETF

Per comprare ETF specifici si possono utilizzare i broker di trading online, come XTB e eToro.

Futures e CFD 

Il terzo modo per investire nel gas naturale è rappresentato dai futures e dai derivati. Si tratta di una soluzione solitamente favorita da quei trader navigati e con alta propensione al rischio. Tali contratti hanno un elevata liquidità e sono attivi tutta la settimana: in particolare, il giovedì è un giorno molto intenso per i futures sul gas naturale, poiché viene rilasciato dal Dipartimento dell’Energia degli USA il rapporto settimanale dello stoccaggio.

Tra i migliori futures di gas naturale citiamo:

  • NG Henry Hub Natural Gas Futures
  • Delivered Natural Gas Futures

I CFD sono più accessibili rispetto ai futures e possono essere acquistati sulle principali piattaforme online.

Conclusioni: Conviene Investire nel Gas Naturale?

L’aumento dei prezzi delle materie prime e, conseguentemente, dei prezzi del gas naturale ha riacceso l’entusiasmo degli investitori in un settore che non appariva più così allettante. Come si è avuto modo di descrivere, gli investitori dispongono oggi di numerosi strumenti e piattaforme per investire in modo profittevole nel gas naturale. L’importante è saper rispettare i propri obiettivi di investimento e il rapporto tra rischio e rendimento, per evitare di sbilanciare eccessivamente il portafoglio su strumenti non adatti al proprio profilo.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here