Crypto.com riceve l’approvazione regolamentare in Italia; la prossima registrazione è quella di Trade Republic

Crypto.com ha annunciato il 19 luglio di aver ricevuto l’approvazione come provider di criptovalute dall’Organismo Italiano Agenti e Mediatori (OAM).

L’annuncio arriva un giorno dopo che Coinbase ha confermato di aver ricevuto l’approvazione anche in Italia, nell’ambito dei suoi piani di espansione in Europa.

Diversi operatori hanno ricevuto il via libera in Italia

Nei mesi scorsi, anche Binance ha annunciato l’approvazione in diversi Paesi europei.

Kris Marszalek, cofondatore e CEO di Crypto.com, ha dichiarato: “Siamo entusiasti di ricevere questa registrazione in Italia e la consideriamo un importante passo avanti per Crypto.com”.

“Siamo impegnati a costruire una crescita duratura nella regione e continueremo a lavorare con le autorità di regolamentazione per offrire una vasta gamma di prodotti e servizi ai nostri stimati clienti”, ha aggiunto Marszalek.

In precedenza, Crypto.com aveva ricevuto il via libera dalla Hellenic Capital Market Commission greca, dall’Autorità monetaria di Singapore e dalla Virtual Assets Regulatory Authority di Dubai.

La tedesca Trade Republic si registra in Italia

Tra le piattaforme che stanno espandendo le loro operazioni in Italia e in Europa, oggi è emerso che la piattaforma di investimento tedesca Trade Republic è l’ultima a registrarsi nel Paese come operatore di criptovalute.

Il 14 luglio l’OAM aveva ricordato in una circolare che il 15 luglio sarebbe stata la data ultima per presentare le domande di registrazione all’autorità di regolamentazione. In un comunicato tradotto, si leggeva: “Domani scade il termine entro il quale gli operatori di criptovalute già attivi, anche online, nel nostro Paese dovranno iscriversi al Registro tenuto dall’OAM. L’Organismo lo ricorda, sottolineando che chi continuerà a operare senza aver presentato la relativa domanda di iscrizione sarà considerato abusivo.”

La piattaforma, che ha iniziato a operare in Italia alla fine del 2021, si è registrata presso le autorità la scorsa settimana.

Come riporta Reuters, il broker tedesco opera anche in Spagna.

In precedenza, Trade Republic aveva ricevuto una licenza dalla Consob, l’autorità di regolamentazione del mercato italiano, per offrire investimenti in azioni, derivati e fondi negoziati in borsa. In particolare, anche l’Italia sta spingendo le startup blockchain.

All’inizio di questo mese, il Ministero dello Sviluppo Economico ha annunciato che a partire da settembre le società di blockchain potranno richiedere un programma di sovvenzioni governative del valore di 46 milioni di dollari.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here