CZ di Binance spiega perché vietare gli annunci di criptovalute non influirà sulla domanda

Diverse autorità di regolamentazione in tutto il mondo hanno adottato un approccio ostile intorno agli scambi di criptovalute e alle aziende legate alle criptovalute, vietando loro di pubblicizzare l’industria al grande pubblico. Tuttavia, il CEO di Binance, Changpeng Zhao, pensa che questo non influenzerà l’alta domanda del mercato.

Le aziende legate alle criptovalute sono state accusate dai regolatori internazionali di commercializzare i loro servizi con messaggi fuorvianti che minano il rischio che gli investimenti in asset digitali potrebbero avere per gli utenti. Spagna, Regno Unito e Singapore hanno vietato la pubblicità delle criptovalute in misura diversa.

Solo a Singapore, gli scambi di criptovalute e altre aziende autorizzate possono pubblicare annunci solo sui propri siti web e app mobili per evitare di raggiungere il grande pubblico.

Il divieto del paese include “qualsiasi forma di pubblicità o materiale promozionale in aree pubbliche come il trasporto pubblico di Singapore, luoghi di trasporto pubblico, media di trasmissione o pubblicazioni periodiche, siti web di terze parti, piattaforme di social media, eventi pubblici o roadshow.

“MAS sottolinea che i fornitori di servizi DPT dovrebbero comportarsi con la consapevolezza che il trading di DPT non è adatto al pubblico generale. Queste linee guida stabiliscono l’aspettativa della MAS che i fornitori di servizi DPT non debbano promuovere i loro servizi DPT al pubblico in generale a Singapore”.

La Spagna richiede una pre-approvazione per qualsiasi pubblicità di criptovalute diretta verso un pubblico di 100.000 o più persone e tutti gli annunci e devono includere un avvertimento come questo: “Gli investimenti in criptovalute non sono regolamentati. Potrebbero non essere appropriati per gli investitori al dettaglio e l’intero importo investito potrebbe essere perso”.

Nel Regno Unito, le autorità hanno vietato diversi annunci che hanno affermato essere “irresponsabili e hanno approfittato dell’inesperienza o credulità dei consumatori”.

Perché non influirà sul prezzo

Il prezzo delle criptovalute è guidato dalla domanda e dall’offerta, cioè dall’interesse che gli utenti hanno nel mercato e dalla disponibilità di ogni moneta digitale. Per questo motivo, gli effetti che i divieti potrebbero avere sull’adozione delle criptovalute sono ritenuti importanti per il futuro del mercato.

Il CEO di Binance Changpeng Zhao (noto anche come “CZ”) ha affermato durante un’intervista alla CNBC International che il motivo per cui i regolatori adottano questo approccio sulle pubblicità è che l’industria delle criptovalute ha una domanda enorme.

Anche se il CEO pensa che questi divieti potrebbero rallentare la crescita dell’industria, CZ non è preoccupato del quadro macro perché pensa che la domanda di cripto è così alta che frenare le pubblicità di cripto avrà poco impatto.

Changpeng Zhao ha sostenuto che la maggior parte degli utenti sono spinti verso l’industria delle cripto attraverso il marketing del “passaparola” piuttosto che gli annunci.

“È improbabile che il giro di vite sulla pubblicità delle criptovalute abbia un grande effetto sulla domanda, dato che la maggior parte degli utenti di criptovalute provengono comunque dalle promozioni del passaparola”.

CZ ha notato che Facebook e Google si sono opposti agli annunci di cripto per molto tempo e anche se sono piattaforme giganti che regnano su internet, questo non ha influenzato l’adozione degli asset digitali.

Binance è il più grande scambio di criptovalute al mondo e recentemente ha ritirato la sua domanda per avviare uno scambio di criptovalute a Singapore dopo aver affrontato la pressione delle autorità di regolamentazione del paese per preoccupazioni di rischi e protezione dei consumatori.

Lo scambio, tuttavia, non ha perso interesse a condurre affari nel paese. Il quadro normativo globale è lontano dal diventare chiaro, e Binance sta lavorando per adattarsi e conformarsi, prendendo considerazioni “strategiche, commerciali e di sviluppo”.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here