Google forma una divisione per la Blockchain e il calcolo distribuito

Alphabet Inc, la società madre di Google, si sta avventurando più in profondità nello spazio blockchain con la formazione di un nuovo gruppo dedicato alla tecnologia distributed ledger. Shivakumar Venkataraman, vice presidente di Google per l’ingegneria, guiderà lo sforzo di portare il gigante tecnologico più in profondità nel calcolo distribuito e nello spazio blockchain. Secondo un rapporto di Bloomberg del 20 gennaio, la nuova unità è focalizzata su “blockchain e altre tecnologie di prossima generazione di calcolo distribuito e di archiviazione dei dati”. La divisione Labs è dove Google sviluppa le sue tecnologie di realtà virtuale e aumentata, il rapporto ha aggiunto.

Non c’è stata alcuna menzione della parola d’ordine di quest’anno “metaverso”, ma è probabile che questo possa essere incorporato in uno sforzo per tenere il passo con i rivali come Meta (ex Facebook). L’altro principale rivale di Google, Microsoft, ha menzionato il metaverso questa settimana quando ha annunciato l’acquisizione da 69 miliardi di dollari del gigante del gioco Activision Blizzard.

Google scommette forte sulla blockchain

Google non ha ancora lanciato alcun grande sforzo pubblico sulla blockchain, ma ha offerto servizi cloud alle aziende di blockchain e criptovalute. A novembre, i Google Labs sono stati riorganizzati sotto il vice presidente Clay Bavor. La mossa era parte di una più ampia spinta a lavorare su “progetti tecnologici a lungo termine che sono a diretto sostegno dei nostri prodotti e business principali”, ha dichiarato.

Non ci sono stati ulteriori dettagli su tecnologie specifiche sotto la nuova divisione o se il gigante della ricerca avrebbe sviluppato la propria soluzione di ledger distribuito aziendale. A settembre, Google Cloud ha collaborato con Dapper Labs per collaborare allo scaling della rete sulla sua blockchain Flow, che è la spina dorsale di alcune enormi applicazioni decentralizzate (dApps) e collezioni NFT. In uno sviluppo correlato, Google Pay ha assunto il dirigente di PayPal Arnold Goldberg per sostenere la sua app di pagamenti in declino. Il piano è quello di espandere la piattaforma per includere tutti i tipi di canali di pagamento, comprese le criptovalute.

Secondo Bill Ready, presidente del commercio del gigante tecnologico: “Crypto è qualcosa a cui prestiamo molta attenzione. Come la domanda degli utenti e dei commercianti si evolve, noi ci evolveremo con essa”. Google Pay ha collaborato con gli scambi di cripto come Coinbase nel tentativo di memorizzare i beni cripto in “carte digitali”, pur avendo ancora gli utenti a pagare in valute tradizionali.

La mossa è parte di una “strategia più ampia per collaborare con una gamma più ampia di servizi finanziari, comprese le criptovalute”, ha detto Ready a Bloomberg.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here