Google Pay collabora con gli exchange di criptovalute per accettare le loro carte digitali

Un altro giorno, un’altra massiccia azienda che entra nello spazio delle criptovalute. Google si sta muovendo per aumentare il profilo del suo servizio Google Pay, e, naturalmente, le criptovalute sono nel mix. L’azienda ha assunto Arnold Goldberg, ex vicepresidente senior di PayPal, “per gestire la sua divisione pagamenti”. Questo secondo Bloomberg, che ha rotto la storia.

“La mossa fa parte di una strategia più ampia per collaborare con una gamma più ampia di servizi finanziari, comprese le criptovalute, ha detto Bill Ready, presidente del commercio di Google. L’azienda, nota per il sistema Google Pay e il portafoglio mobile, ha ampiamente evitato il settore delle criptovalute”. Fino ad ora, cioè. L’azienda sta cautamente entrando nello spazio delle criptovalute e NewsBTC è qui per dirvi cosa dovreste sapere al riguardo.

I molti fallimenti di Google

La divisione finanziaria dell’azienda non è stata quella di maggior successo. Il loro servizio Google Pay è molto indietro rispetto ai suoi concorrenti, e affronta uno spazio affollato con molti giocatori che cercano di andare avanti. Recentemente, Alphabet Inc. ha collaborato con 11 banche per un’iniziativa chiamata Plex, e ha cancellato tutto all’ultimo secondo. “Non siamo una banca – non abbiamo intenzione di essere una banca”, ha detto il presidente del commercio della società Bill Ready in una recente intervista.

D’ altra parte, l’azienda ha molto da offrire:

“Google ha un’enorme portata di consumatori e un enorme bilancio. Il gigante della tecnologia non prende commissioni sulle transazioni con il suo portafoglio mobile, e Ready ha detto che non ci sono piani per cambiare questo.”

GOOGL price chart for 01/19/2022 - TradingView

Alphabet Inc. grafico dei prezzi sul Nasdaq | Fonte: TradingView.com

In cosa consisterà il gioco cripto dell’azienda?

Cerchiamo di essere chiari su questo, il gigante della tecnologia sta solo testando le acque. Non hanno annunciato nulla di folle, né stanno sviluppando la tecnologia stessa. Tuttavia, è un grande miglioramento rispetto alla loro politica di “evitare ampiamente l’industria delle criptovalute”. Cosa stanno facendo, esattamente?

“Google ha collaborato con aziende, tra cui Coinbase Global Inc. e BitPay Inc. per memorizzare i beni cripto in carte digitali, pur avendo ancora gli utenti a pagare in valute tradizionali. Ready ha detto che Google sta cercando di fare più di queste partnership, anche se la società ancora non accetta cripto per le transazioni”.

Poiché questo è un po’ vago, Yahoo! Finance elabora la questione

:

“Alla fine dello scorso anno la piattaforma cripto Bakkt ha detto che la sua carta di debito Visa virtuale sarebbe stata disponibile per l’uso su Google Pay online e nei negozi. Il supporto di Bakkt per Google Pay segue le orme di Coinbase, che ha lanciato il supporto per Apple Pay e Google Pay per le sue Coinbase Cards all’inizio di quest’anno. Google sta anche lavorando con Bitpay e Gemini per supportare le loro carte cripto, il che significa che le persone che usano queste carte possono aggiungerle a Google Pay”.

Per sottolineare ulteriormente la leggerezza del gioco delle criptovalute dell’azienda, Bill Ready ha detto a Bloomberg:

“Crypto è qualcosa a cui prestiamo molta attenzione. Come la domanda degli utenti e dei commercianti si evolve, noi ci evolveremo con essa”.

Come ha reagito il mercato all’annuncio di Google?

Non appena l’articolo è andato in onda e la notizia ha iniziato a diffondersi attraverso Internet, i prezzi di Bitcoin ed Ethereum hanno avuto un picco per un po’. Poi, quando la gente ha letto esattamente ciò che Google ha annunciato, l’eccitazione è svanita. Le due principali criptovalute sono state scambiate orizzontalmente, con una leggera tendenza al ribasso per un po’. E questo annuncio non è stato abbastanza forte da cambiare la situazione.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here