I minatori di Bitcoin del Texas tornano a funzionare dopo un’interruzione di corrente

I minatori di Bitcoin nello Stato della Stella Solitaria sono tornati in azione dopo aver interrotto le operazioni a causa delle interruzioni di corrente all’inizio del mese.

L’operatore della rete elettrica del Texas, l’Electric Reliability Council of Texas (ERCOT), aveva precedentemente avviato una politica di razionamento dell’energia elettrica per far fronte alle richieste di energia causate dall’aumento delle temperature.

L’ERCOT ha consigliato agli utenti di limitare l’utilizzo di energia elettrica, mentre i residenti hanno acceso i condizionatori a tutto spiano per far fronte alle condizioni di caldo torrido.

Una delle vittime del razionamento sono stati i minatori di bitcoin, in quanto i “grandi consumatori di energia” sono stati costretti a interrompere le operazioni. Secondo l’ERCOT, questo è stato fatto per evitare un collasso della rete e blackout in tutto lo Stato.

I minatori di bitcoin tornano online

Dopo oltre una settimana, un rapporto della Reuters indica che i minatori hanno ripreso le loro operazioni su larga scala. La breve pausa nell’attività di mining ha influito negativamente sull’hashrate del Bitcoin, che è scivolato al di sotto dei 200 exahashes al secondo tra le notizie di una capitolazione dei minatori causata dai bassi prezzi degli asset.

“I minatori sono tornati tutti attivi, già da diversi giorni”, ha osservato Lee Bratcher, presidente del Texas Blockchain Council. Bratcher ha aggiunto che “ERCOT è tornato in modalità operativa normale con oltre 3.000 megawatt (MW) di capacità inutilizzata sulla rete.

Il Texas è diventato il fulcro dell’attività di estrazione di criptovalute nel continente nordamericano, con grandi aziende minerarie che si contendono le scarse risorse energetiche.

Aziende leader come Riot Blockchain, Poolin e Geosyn Mining si sono trasferite in Texas nel corso dell’ultimo anno e gli esperti prevedono che la ripresa dell’attività mineraria porterà l’utilizzo di energia elettrica a raggiungere nuovi livelli.

I democratici sono preoccupati per l’aumento dell’attività dei minatori

Un gruppo di legislatori democratici preoccupati ha scritto una lettera ai responsabili dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti e del Dipartimento dell’energia affinché collaborino per regolamentare la crescente industria del mining di criptovalute.

I legislatori hanno dichiarato che “i regolatori statali e federali sanno poco della portata del problema”, nonostante il duro impatto sull’ambiente e sull’utilizzo dell’energia.

I senatori hanno fatto notare che uno studio indipendente ha rivelato che il fabbisogno energetico delle sette grandi aziende di mining è in grado di “alimentare tutte le residenze domestiche di Houston, in Texas”.

A New York, le richieste energetiche alle stelle hanno costretto lo Stato a imporre una moratoria di due anni su tutte le attività di estrazione di criptovalute proof-of-work.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here