Il miliardario Mark Cuban è ottimista su DAO e contratti intelligenti

Secondo una recente intervista, Mark Cuban ha iniziato a investire in imprese che non sono tradizionali. Mark Cuban, famoso per la sua apparizione nel reality show della ABC Shark Tank, investe l’80% del suo denaro in criptovalute. “Gli investimenti che sto facendo ora non sono in imprese tradizionali”, ha detto Cuban in una recente intervista. Cuban possiede i Dallas Mavericks, una squadra NBA che recentemente ha collaborato con la società di criptovalute Voyager. I Dallas Mavericks accettano DOGE per i pagamenti e ha propagandato il memecoin come la criptovaluta più “forte” come mezzo di scambio.

L’interesse fiorente di Cuban per i DAO

Cuban ha mostrato un interesse per le organizzazioni autonome decentralizzate. Ha predetto nel giugno 2021 che le DAO potrebbero portare a organizzazioni dirompenti. Le DAO sono entità su una blockchain che i titolari di un token di governance governano. La quantità di token posseduti da un individuo gli garantisce un’influenza commisurata su come il DAO dovrebbe essere gestito. Cuban prevede che le banche e le assicurazioni saranno fortemente influenzate dalle nuove tecnologie.

Ha avvertito le banche di essere spaventate da DeFi. È rialzista sui contratti intelligenti, la linfa vitale dei DAO, e sulla finanza decentralizzata. “I contratti intelligenti possono cambiare il mondo”, ha detto alla CNBC. Ha anche investito in una società fintech chiamata Seashell che offre alti rendimenti attraverso prestiti cripto-collateralizzati. Le cripto partecipazioni di Cuban sono divise al 60%, 30% e 10% in BTC, ETH e altcoin. Le partecipazioni altcoin di Cuban possono includere Ocean Token Audius e Wrapped Ethereum se un particolare indirizzo di portafoglio risulta essere il suo. Egli consiglia che l’utilità di un token deve essere stabilita prima dell’investimento perché l’utilità alimenta la creazione di valore.

Crypto non per tutti

Tuttavia, Cuban non è cieco alla realtà e fa paragoni tra l’industria delle cripto e quella dei casinò. “È come i primi giorni di internet”, ha detto. “La stessa identica cosa sta accadendo ora. È il 1995 per le criptovalute”. Inoltre non crede che il bitcoin sia una copertura contro l’inflazione, e chiama tali affermazioni “poco più di un espediente di marketing”.

Cuban ha ammesso che la criptovaluta potrebbe non essere per tutti in questo momento, dicendo che la criptovaluta è difficile da capire, ed è una seccatura. Ma tra dieci anni, ci saranno quelli che avranno successo. Questo creerà la propria economia. Cuban possiede molte NFT, tra cui una Cryptopunk e almeno una Bored Ape.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here