Investimenti a Breve Termine: Cosa Sono e Come Funzionano

Per investimenti a breve termine si intendono tutta una serie di opportunità a basso/medio rendimento di investire denaro per un lasso di tempo non superiore a 18 mesi. Non vi è un limite in termini di somma investita: si può partire da 100 euro in su. Ciò che conta è la facilità di liquidabilità: guadagni minimi partendo da un importo in denaro che si era già pianificato di investire per spese future, come l’acquisto di un’auto, dell’arredamento di casa, degli elettrodomestici, ecc.

Obiettivo di fondo dell’investitore verte sulla capacità di generare rendimenti, tenendo conto di due aspetti: il primo è che il portafoglio non è di natura volatile, il secondo è che il guadagno sull’importo investito è davvero minimo. Per comprendere ancora meglio la logica di funzionamento degli investimenti a breve termine, è opportuno soffermarsi sulla differenza tra quelli a reddito fisso e le azioni.

Vantaggi e Svantaggi

Mettere al sicuro i soldi sul proprio conto corrente, in linea di massima, non è mai una saggia decisione. L’investimento a breve termine ha come scopo prioritario la gestione efficiente della liquidità. Gli investimenti a breve termine hanno perciò come vantaggio di fondo la sicurezza ai massimi livelli. Assicurano in ogni caso rendimenti non superiori allo 0,3%, che, pur non essendo molto, è sempre meglio rispetto a tenerli fermi sul conto corrente senza remunerazione di ritorno. Lo svantaggio principale è che i guadagni sono davvero minimi. Occorre investire cifre importanti per ottenere benefici visibili.

I Migliori Ivestimenti Sicuri a Breve Termine

Bisogna tenere in considerazione il fatto che sono davvero numerose le opportunità di investimento a breve termine. Il target di riferimento, pertanto, è costituito da qualsiasi investitore/risparmiatore. Ecco pertanto un elenco dei migliori investimenti sicuri a breve termine.

Titoli di Stato, BOT e CCT

I Titoli di Stato sono considerati generalmente come gli investimenti a breve termine più sicuri in assoluto. Tuttavia, è fondamentale scegliere un Paese in grado di assicurare ottime garanzie. I titoli di Stato, di fatto, rappresentano per i piccoli investitori e per i risparmiatori un’opportunità per vedere fruttare i loro soldi. Per gli investitori professionisti, invece, i titoli di Stato costituiscono una valida opportunità per differenziare il portafoglio di investimenti.

Buoni Fruttiferi Postati

Distribuiti da Poste Italiane, i buoni fruttiferi postali rientrano tra gli investimenti sicuri: in primo luogo, non presentano costi di rimborso e sottoscrizione, eccezion fatta per gli oneri fiscali; in secondo luogo, il diretto interessato può chiedere il rimborso di quanto investito in qualsiasi momento. Infine, la tassazione agevolata è al 12,50%. Tuttavia, a fronte di un investimento sicuro, gli interessi risultano alquanto limitati.

Conti Deposito

I Conti Deposito sono considerati dagli investitori come una valida opzione per tenere i soldi su un canale diverso rispetto al conto corrente. A garantire questa forma di investimento a breve termine è lo Stato, visto che ai sensi di quanto sancito nelle misure di protezione stabilite dal Fondo di Sicurezza dei Depositi, il risparmiatore può contare su una garanzia per i risparmiatori che hanno investito meno di 100.000 euro, a fronte di eventuale fallimento dell’istituto di credito. Rispetto a Bot e a CCT gli interessi sono più alti, specie se il conto deposito risulta vincolato.

Obbligazioni Garantite

Note anche come covered bond, le obbligazioni garantite sono considerate una forma di investimento sicura, in quanto ai sensi di ciò che ha stabilito il Fondo di Sicurezza dei Depositi, è come se il risparmiatore potesse contare su una sorta di polizza assicurativa per il proprio denaro. Anche in questo caso, investendo importi più bassi di 100.000 euro, si è tutelati dalla Stato a fronte di eventuale fallimento dell’istituto di credito. A emettere le obbligazioni garantite sono le banche. L’investimento in oggetto in termini di sicurezza e di liquidità è comunque valido, sempre tenendo conto del fatto che i rischi sono minimi e che i tassi di ritorno sono relativamente bassi.

Fondi Comuni Monetari

Trattasi di fondi che vanno a investire in obbligazioni, BOT e CCT con scadenze nel breve periodo. Le percentuali appaiono, seppur di poco, più redditizie, rispetto ad investimenti simili in quanto a soglia temporale.

In definitiva, gli investimenti a reddito fisso prevedono rendimenti già concordati in fase iniziale. Le obbligazioni sono esempi comuni al riguardo, così come i buoni del tesoro, i titoli di debito e i fondi di investimento.

Quale Formula di Investimento Scegliere

Non esiste un investimento a breve termine migliore di un altro. Scelta saggia, pertanto, è investire nel breve periodo somme che rappresentano una parte davvero minoritaria del portafoglio di investimento. In fase di scelta, poi, far effettuare a un professionista del settore un accurato check-up della propria situazione patrimoniale è la miglior soluzione possibile nell’ottica di un’ottimale allocazione degli asset. Spesso poi di consiglia di diversificare i fondi di investimento, anche se a breve termine.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here