La Federal Reserve degli Stati Uniti pubblica il rapporto CBDC, vuole un ulteriore dialogo

La Federal Reserve degli Stati Uniti ha pubblicato un lungo documento su una valuta digitale basata sul dollaro della banca centrale e ha chiesto un contributo. Non ha raccomandato alcuna politica specifica, anche se ha dichiarato che un CBDC potrebbe migliorare il sistema finanziario.

La Federal Reserve degli Stati Uniti ha pubblicato le sue più grandi dichiarazioni ancora su una valuta digitale della banca centrale (CBDC) per il dollaro americano, sotto forma di un rapporto pubblicato il 20 gennaio. Intitolato “Denaro e pagamenti: The U.S. Dollar in the Age of Digital Transformation”, il documento discute i potenziali benefici e rischi dei CBDC nell’economia statunitense e cerca di generare un dialogo sulla questione.

Il lavoro sul documento è stato annunciato per la prima volta nel settembre 2021. Il risultato complessivo è che la Federal Reserve vede un CBDC sostenere l’economia, ma con le banche private come parti interessate che fanno parte del sistema, in contrasto con la Federal Reserve che emette la valuta direttamente ai cittadini.

I funzionari statunitensi non hanno preso posizioni forti in generale, e il documento non raccomanda una politica specifica, preferendo promuovere il dialogo con gli input delle parti interessate e del pubblico in generale. Tra le preoccupazioni principali ci sono la sicurezza informatica, il diritto alla privacy dei consumatori e la prevenzione dei crimini finanziari.

Il documento è stato a lungo atteso, con molti esperti e analisti che si chiedono quando gli Stati Uniti potrebbero iniziare una revisione più approfondita di un CBDC. Con paesi come la Cina che hanno già lanciato più piloti, questi analisti si sono chiesti per quanto tempo ancora le altre grandi economie sarebbero rimaste indietro.

Mentre nessuna politica ufficiale è stata dichiarata, il documento mette giù alcuni pilastri come necessari per un CBDC, dicendo,

“La Federal Reserve continuerà ad esplorare una vasta gamma di opzioni di progettazione per un CBDC. Mentre nessuna decisione è stata presa sul perseguimento di un CBDC, l’analisi ad oggi suggerisce che un potenziale CBDC statunitense, se fosse creato, servirebbe meglio le esigenze degli Stati Uniti essendo protetto dalla privacy, intermediato, ampiamente trasferibile e con identità verificata”.

Nonostante l’approccio cauto, il dollaro digitale CBDC sembra probabile

Gli Stati Uniti sono stati notati come molto cauti quando si tratta di un CBDC, anche se altre grandi economie prendono il ritmo. Il paese sta cercando di fare le cose bene invece di essere il primo e non vuole rischiare alcun errore.

La Cina ha lanciato più piloti con volumi del suo renminbi digitale che raggiungono quasi 90 miliardi, e l’asset sarà usato nelle prossime Olimpiadi invernali del 2022 a Pechino. Alcuni paesi sono un po’ più avanti degli Stati Uniti. Nigeria, Svezia, Francia, Canada, Australia e India sono tra i molti che stanno esaminando l’implementazione di un CBDC.

Forse gli Stati Uniti annunceranno un processo CBDC entro la fine dell’anno. Ma, per il momento, sembra che vogliano solo quanti più input possibili prima di iniziare la maggior parte del lavoro.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here