L’autorità di vigilanza finanziaria di Taiwan ha emanato nuovi requisiti per le banche e le società di carte di credito

L’autorità di vigilanza finanziaria di Taiwan ha emanato nuovi requisiti per le banche e le società di carte di credito, impedendo loro di consentire l’utilizzo delle carte di credito come mezzo di pagamento per i servizi di asset virtuali.

All’inizio del mese, la Commissione di vigilanza finanziaria di Taiwan ha inviato una lettera all’associazione del settore bancario del Paese, precludendo alle agenzie di carte di credito la possibilità di iscrivere i fornitori di servizi di asset virtuali come commercianti.

“In considerazione della natura altamente speculativa e ad alto rischio degli asset virtuali, le carte di credito non dovrebbero essere utilizzate come strumenti di pagamento per le transazioni di asset virtuali”, si legge nella dichiarazione.

L’autorità ha spiegato che le carte di credito dovrebbero servire come strumento di pagamento per il consumo piuttosto che come fonte di finanziamento per investimenti finanziari e trading speculativo.

Se questo è certamente il caso di quelle che descrive come “transazioni altamente speculative, ad alto rischio e ad alta leva finanziaria” di criptovalute, la FSC ha anche proibito l’uso di carte di credito come strumenti di pagamento per il gioco d’azzardo online, azioni, futures, opzioni e altre transazioni simili.

Le aziende hanno tre mesi di tempo per adeguarsi ai nuovi requisiti.

Taiwan conferma il CBDC

Nel frattempo, Taiwan ha recentemente confermato l’intenzione di lanciare una moneta digitale della banca centrale (CBDC). I piani per un progetto pilota sono attesi a breve, dopo che il mese scorso sono state completate le prove per il prototipo di CBDC al dettaglio in simulazioni tecniche.

Sebbene la CBDC sia in fase di sviluppo, il governatore della banca centrale Yang Chin-long ha dichiarato che non è ancora chiaro il calendario esatto per il suo lancio pubblico. Yang ritiene che il regolatore bancario debba superare alcuni ostacoli prima di un lancio più ampio per i pagamenti.

La Banca di Taiwan sta studiando i casi d’uso di un CBDC al dettaglio e all’ingrosso da circa due anni. Secondo l’Atlantic Council Research, la banca centrale puntava a concludere i test tecnici del suo prototipo di CBDC entro settembre.

Mentre il Paese guarda al potenziale futuro dei pagamenti digitali, la Banca centrale ha già concluso il suo studio di fattibilità nel giugno 2020, secondo il rapporto.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here