L’autorità pubblicitaria irlandese riceve sempre più reclami sugli annunci di criptovalute

Le pubblicità di criptovalute sono ora sotto i riflettori in Irlanda, dopo il rilascio di un quadro normativo sulla pubblicità compilato di recente dal Tesoro del Regno Unito.L’Advertising Standards Authority of Ireland (ASAI) ha una crescente preoccupazione che circonda gli annunci di cripto. Ha ricevuto quattro reclami riguardanti le pubblicità dal 2019. Due annunci di Floki Inu affissi sui lati degli autobus di Dublino hanno attirato la preoccupazione. Il tormentone delle pubblicità è “Missed Doge? Prendi Floki”. Annunci simili sono apparsi di recente in tutta Londra. “Doge” è un riferimento a “Dogecoin”, la prima moneta meme (senza valore intrinseco), creata per scherzo nel 2013. Shiba Inu e poi Floki Inu hanno seguito Doge. Un portavoce dell’ASAI ha detto che i quattro annunci rimangono sotto esame. “Siamo consapevoli che c’è una crescente preoccupazione in altre giurisdizioni circa la pubblicità per le criptovalute, e stiamo monitorando gli sviluppi”, hanno detto.

Queste denunce hanno attirato l’attenzione delle autorità irlandesi in un momento in cui i regolatori del Regno Unito hanno stabilito delle linee guida per ridurre le pubblicità ingannevoli. Tutti gli annunci di criptovalute nel Regno Unito saranno soggetti alle regole che si applicano alle azioni e alle assicurazioni.

Il governatore della Banca centrale irlandese non è ancora preoccupato

Gli asset digitali in Irlanda non sono riconosciuti dalla Banca Centrale, in quanto non sono prodotti di imprese finanziarie regolamentate. La banca centrale ha messo in guardia i consumatori sull’investire in criptovalute negli ultimi anni. Ora, in risposta alla crescente lista di reclami, la banca ha detto: “Ribadiamo questi avvertimenti”.

“La banca centrale denota il ritmo al quale l’ecosistema delle criptovalute sta crescendo, e la banca centrale continua a identificare e monitorare da vicino i rischi associati alle attività cripto”, ha detto un portavoce.

In un post sul blog recentemente, Gabriel Makhlouf, governatore delle banche centrali, la cripto non rappresenta una minaccia alla stabilità finanziaria, sia a livello nazionale che globale. Sul retro di una maggiore popolarità, tuttavia, “la loro volatilità potrebbe portare a perdite, che potrebbero avere implicazioni per la stabilità finanziaria”. Makhlouf fa il confronto tra l’attuale entusiasmo che circonda BTC e ETH e la bolla dei tulipani olandese, nota come “Tulip Mania” nel 1600.

Rischi non adeguatamente definiti, dice l’E.U.

La preoccupazione si sta diffondendo in tutta l’UE che le campagne pubblicitarie sulle criptovalute non stanno rivelando i rischi significativi associati agli asset digitali. L’organismo è impegnato nella creazione di un quadro normativo finanziario per le criptovalute, tra cui il Markets in Crypto Assets framework (MiCA), la cui ratifica è prevista per la fine di quest’anno. Il MiCA include l’introduzione di un regime di licenze per i fornitori di servizi.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here