L’Unione europea presenterà una legge sull’euro digitale all’inizio del 2023

L’Unione europea è pronta a proporre una legge sull’euro digitale all’inizio del 2023, come riportato da Politico. Una consultazione pubblica incentrata sugli usi di un euro digitale sarà lanciata il mese prossimo.

L’Unione europea ha annunciato il 9 febbraio che proporrà una banconota digitale in euro nel 2023. Riportato per la prima volta da Politico, la Commissione europea ha detto che il disegno di legge sarà la base legale per la valuta digitale fiat che la Banca centrale europea ha a lungo rimuginato. La fase di investigazione dell’euro digitale è stata annunciata per la prima volta nel luglio 2021, che è stata poi rivelata durare fino a 24 mesi.

Ma con l’annuncio ufficiale del progetto di legge, è chiaro che le autorità della regione vogliono muoversi rapidamente con una moneta digitale. Il disegno di legge vedrà discussioni e negoziati con la capitale dell’UE e il parlamento prima di essere approvato, se lo farà affatto. Il rapporto nota anche che una consultazione pubblica sarà annunciata il mese prossimo, concentrandosi sull’utilità dell’euro digitale.

Il capo delle finanze dell’UE Mairead McGuinness ha anche fatto riferimento al progetto di legge nella conferenza fintech di Afore Consulting all’inizio di questa settimana, dicendo che l

“l’obiettivo è quello di presentare una legislazione [presente] all’inizio del 2023. Una consultazione legislativa mirata nelle prossime settimane”.

Il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde, che ha messo in guardia contro le criptovalute in passato, ha anche parlato della moneta digitale, notando la sua capacità di migliorare i sistemi di pagamento. Ma lei, insieme ad altri dirigenti dell’UE, crede che non ci sia molto tempo da perdere mentre le cripto e le stablecoin diventano più popolari.

I CBDC sono inevitabili mentre i legislatori mostrano preoccupazione per le stablecoin

C’è stato un diluvio di notizie relative allo sviluppo della valuta digitale della banca centrale (CBDC) negli ultimi mesi. I governi lo stanno facendo sia perché sono consapevoli dei benefici della tecnologia, sia per le preoccupazioni legate alle stablecoin e alle criptovalute.

India, Giamaica, Corea del Sud e Malesia sono solo alcuni dei molti paesi che hanno annunciato piani CBDC. In particolare, gli Stati Uniti non hanno ancora fatto un annuncio ufficiale, anche se il presidente della Federal Reserve ha detto che i CBDC potrebbero coesistere con le stablecoin.

Le autorità non vogliono che le stablecoin invadano la sovranità delle valute nazionali, e le sfide normative hanno rovesciato i piani Diem di Meta. Oltre ad altre notizie sui CBDC, nel 2022 ci si può aspettare di vedere la regolamentazione delle stablecoin.

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here