Meta apre il suo primo negozio fisico mentre gli sforzi del Metaverse si riscaldano

Meta ha annunciato il suo primo negozio fisico, che sarà lanciato il 9 maggio in California. I clienti possono provare vari dispositivi e ottenere demo ed esperienze associate al metaverso, tra gli altri servizi.

Meta ha annunciato il suo primo negozio fisico, che permette ai clienti di provare il suo hardware hands-on. I negozi apriranno il 9 maggio a Burlingame, in California. I dispositivi disponibili nel negozio saranno Portal, Ray-Ban Stories, e l’auricolare Quest 2 VR. L’azienda ha anche introdotto una scheda negozio sul sito web Meta.

L’esperienza pratica permetterà agli utenti di provare demo di vari prodotti e servizi, comprese le videochiamate e l’esperienza con l’auricolare VR. Martin Gilliard, capo del Meta Store, ha detto,

“Una volta che le persone sperimentano la tecnologia, possono ottenere un migliore apprezzamento per essa. Se abbiamo fatto bene il nostro lavoro, le persone dovrebbero andarsene e dire ai loro amici: ‘Devi andare a vedere il Meta Store'”.

Meta riconosce che il metaverso è una parte forte di questa iniziativa, notando che è stato importante che abbia lanciato il negozio vicino alla sua sede Reality Labs. Gilliard ha detto che l’azienda prenderà il suo apprendimento dal negozio di hardware e lo lavorerà nella sua strategia futura.

È chiaro che Meta vuole spingere le persone a provare le sue idee del Metaverso. L’azienda sta progredendo costantemente in quella nicchia, pur mantenendo le interazioni sociali al suo centro.

Meta è stata spesso nelle notizie per i suoi sforzi nello spazio metaverso – e l’azienda ha chiarito che questa è la sua priorità numero uno. Sta investendo in questa iniziativa al punto che ha versato miliardi di dollari nello sforzo. Questo non è sorprendente, dato che il mercato del metaverso potrebbe valere fino a 678 miliardi di dollari entro il 2030.

Tra gli sviluppi dell’azienda c’è il lancio di una moneta nella sua app Horizon Worlds VR. Potrebbe anche essere utilizzato su future iterazioni di Facebook e Instagram, con lo staff che lo chiama informalmente Zuck Bucks. Meta sta anche lavorando per incoraggiare i creatori di contenuti a vendere il lavoro attraverso le loro applicazioni.

Uno degli sviluppi più interessanti è una serie di progetti AI. Durante un evento Inside the Lab, Mark Zuckerberg ha svelato un assistente intelligente e un bot costruttore che aiuterà a sviluppare l’esperienza del metaverso.

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here