Non una copertura contro l’inflazione: Bitcoin mostra una stretta correlazione con le azioni, dice la Bank of America Analysts

Bank of America ha rilasciato un rapporto di recente, mettendo in discussione lo status di bitcoin come copertura dell’inflazione considerando la sua recente correlazione con il mercato azionario.

Due analisti del gigante di Wall Street Bank of America hanno definito il bitcoin un asset di rischio piuttosto che una copertura dell’inflazione in un recente rapporto, dicendo che la criptovaluta spesso segue il comportamento del mercato azionario. Alkesh Shah e Andrew Moss hanno sottolineato l’alto grado di correlazione tra l’S&P 500, Nasdaq 100, e Bitcoin, i 180 giorni che terminano il 31 gennaio 2022. La tendenza macro continua, con il bitcoin che è sceso a poco meno di $36K dopo l’annuncio della Federal Reserve di un aumento dei tassi di interesse lo scorso giovedì, in linea con un significativo selloff delle azioni. L’annuncio della Federal Reserve di un aumento dei tassi di interesse dello 0,5% arriva mentre combatte per combattere l’inflazione crescente a causa dei pacchetti di stimolo del governo resi necessari dalla pandemia di Covid-19.

“I tassi di interesse sono aumentati, i mercati delle criptovalute si sono scaricati. Per quanto riguarda il Bitcoin, sembra che stiamo per baciare i 35000 dollari”, ha detto TikTok crypto pundit Wendy O venerdì.

La guerra in Ucraina è anche un fattore che contribuisce

Anche la guerra in Ucraina ha fatto la sua parte. “Come tutti gli asset di rischio, i prezzi delle cripto quest’anno sono stati sproporzionatamente guidati dalla guerra in Ucraina, dall’inflazione e dalle prospettive sulla politica della Fed (in particolare il calendario del taper)”, ha detto Ben McMillan di IDX Digital Assets. “Quindi, mentre stiamo vedendo i prezzi delle criptovalute a prezzi relativamente attraenti in una prospettiva a lungo termine, ci potrebbe essere ancora un considerevole ribasso nel breve termine”, ha concluso.

Perché il bitcoin è considerato una copertura dell’inflazione?

Uno degli argomenti per cui il bitcoin è una copertura dell’inflazione è la sua fornitura limitata di 21 milioni. A differenza delle banche centrali, che possono stampare denaro fiat per i pacchetti di aiuti governativi e altri scopi e quindi aumentare la circolazione di fiat all’infinito, facendo salire i prezzi dei beni essenziali, non ci possono mai essere più di 21 milioni di bitcoin.

Recentemente, l’ex star di The O.C. e critico di criptovalute Ben McKenzie ha deriso il pedigree del bitcoin come copertura dell’inflazione, citando il suo declino da un massimo di novembre di $69K come una ragione per mettere in dubbio l’ipotesi di copertura dell’inflazione.

Mentre alcuni considerano il bitcoin come una riserva di valore, c’è stata una correlazione zero tra il bitcoin e l’oro dal giugno dello scorso anno, un valore che è diventato negativo negli ultimi due mesi. “Bitcoin è ancora presto nella sua curva di maturità per essere saldamente nella categoria dell’oro digitale”, ha detto Vijay Ayyar, un alto dirigente ha detto alla CNBC. Ha notato che il bitcoin ha bisogno di più adozione per essere considerato oro digitale.

Cosa ne pensi di questo argomento? Scriveteci e diteci!

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here