ProShares lancerà un nuovo ETF a strategia short bitcoin

ProShares introdurrà domani alla Borsa di New York un fondo negoziato in borsa di futures short Bitcoin che seguirà il comportamento inverso dell’indice S&P CME Bitcoin Futures.

Il nuovo ETF Short Bitcoin Strategy arriva mentre la criptovaluta più grande del mondo flirta con livelli che non si vedevano dal 2020. Inoltre, il crollo del mercato delle criptovalute ha lasciato al freddo molti partecipanti alla finanza decentralizzata.

Con il bitcoin in calo del 70% rispetto al picco di novembre, l’amministratore delegato della società di Bethesda, Md. che ha lanciato il ProShares Bitcoin Strategy ETF nell’ottobre dello scorso anno, ritiene che questo sia lo scenario ideale per il suo nuovo prodotto. “Sappiamo tutti che ci sono molte persone che sono ribassiste sulle prospettive a breve o a lungo termine del Bitcoin o delle criptovalute in generale”, ha dichiarato Michael Sapir a Barrons. Il nuovo ETF short-Bitcoin opererà con il simbolo BITI e spera di attirare coloro che scommettono sulla scomparsa del Bitcoin e coloro che hanno posizioni lunghe in Bitcoin alla ricerca di una copertura.

I timori di errori di tracciamento sono stati respinti

Il lancio del ProShares Bitcoin Strategy ETF ha fatto seguito a otto anni di sforzi per lanciare ETF che seguissero direttamente il prezzo del bitcoin. La Securities and Exchange Commission ritiene che gli ETF spot siano troppo rischiosi a causa del rischio di frode e di manipolazione del mercato e non ha ancora approvato un prodotto di questo tipo, nonostante le forti pressioni esercitate dal peso massimo degli asset digitali Grayscale, che ha anche minacciato una potenziale azione legale.

Le discrepanze tra il mercato dei futures e gli asset tracciati sono un aspetto negativo degli ETF a termine, soprattutto se si considera la volatilità del bitcoin. Il ProShares Bitcoin Strategy ETF detiene attualmente circa 640 milioni di dollari di attività, in calo rispetto al miliardo di dollari del suo debutto.

Sapir, tuttavia, rimane ottimista. “Sulla base di come il mercato dei futures ha seguito il mercato a pronti, siamo fiduciosi che anche il prodotto inverso seguirà la stessa strada”, ha dichiarato al Wall Street Journal.

La volatilità del mercato potrebbe portare a perdite ingenti

Sebbene scommettere contro la performance del bitcoin in questo mercato ribassista sembri allettante, vale la pena ricordare che gli ETF inversi tracciano la performance giornaliera e un investitore a lungo termine potrebbe subire perdite significative. Inoltre, gli investitori entrerebbero nel mercato dopo il crollo del bitcoin dalle vette rarefatte raggiunte nel novembre dello scorso anno, senza alcuna certezza che il mercato continui il suo trend ribassista. Considerando il potenziale di una corsa al rialzo culminata con un picco di prezzo di poco inferiore a 70.000 dollari, il rischio di perdere molto si nasconde ancora nell’ombra.

Sebbene il presidente della SEC, Gary Gensler, abbia espresso il proprio sostegno agli ETF che scambiano i futures sui bitcoin, la SEC consiglia ancora cautela negli investimenti.

“Prima di investire in un fondo che detiene contratti futures su bitcoin, assicuratevi di valutare attentamente i potenziali rischi e benefici”, ha twittato nell’ottobre dello scorso anno.

Sapir ha dichiarato di non vedere segnali di approvazione da parte della SEC di un ETF sul bitcoin a pronti in tempi brevi. Ha anche ventilato la possibilità di ETF legati all’ethereum nel futuro di ProShares, nonostante l’anno scorso si sia tirato fuori dai documenti della SEC.

Secondo Coingecko, Ethereum passa di mano a $1127, con un calo di quasi il 77% rispetto al picco raggiunto nel novembre 2021.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here