Short Squeeze: Cos’è, Come Funziona, Vantaggi e Rischi

Nel mercato dei titoli finanziari sempre più spesso assistiamo a incrementi di volatilità, ovvero ad ampie oscillazioni dei valori dei titoli in pochi minuti/ore a seguito di un evento inatteso o al formarsi di particolari condizioni di negoziazione. Tali fluttuazioni sono di frequente associate ai cosiddetti Short Squeeze. Viene definito Short Squeeze una condizione che determina un incremento rapido dei prezzi di un’azione o di un altro titolo negoziabile. Si verifica quando c’è un’esuberanza di vendite dovuta a una mancanza di offerta e a un eccesso di domanda per il titolo a causa dei venditori allo scoperto (o short seller). Esempi molto noti sono il caso Gamestop e quello del corso delle quotazioni del titolo Tesla.

Cos’è lo Short Squeeze

Uno short squeeze si verifica quando il valore di un’azione o un altro titolo sale improvvisamente, obbligando i trader che avevano scommesso che il suo prezzo sarebbe sceso ad acquistarlo per evitare ulteriori perdite, richiudendo le posizioni velocemente ed in maniera brusca. Scopriamo nel dettaglio come funziona, come sfruttarlo e quali rischi comporta.

Come Funziona

Partiamo dalla definizione di vendita allo scoperto, che è una pratica finanziaria in cui un investitore, in genere un grosso investitore, definito come “short-seller” o “venditore allo scoperto”, prende in prestito delle azioni rivendendole immediatamente, avendone previsto il calo. L’obiettivo è quello di riacquisirle a un prezzo più basso e saldare il prestito, ottenendone complessivamente un guadagno. Difatti, lo short-seller, avendo preso in prestito le azioni, deve restituirle al prestatore ma ne avrà chiaramente un guadagno se le azioni sono state riacquistate ad un prezzo inferiore. 

Tuttavia, è ben noto che il mercato azionario è, in alcune circostanze, totalmente imprevedibile e può comportasi in maniera irrazionale a fronte di notizie macroeconomiche inattese; pertanto può verificarsi un aumento non previsto del prezzo delle azioni che comporta allo short-seller una perdita piuttosto che un utile, come aveva erroneamente previsto. A questo punto gli short-seller, o venditori allo scoperto, per limitare le perdite in caso di ulteriore aumento di prezzo delle azioni, provano a riacquistarle anche se ad un prezzo più alto. Quando un titolo aumenta in modo imprevisto e improvviso, gli investitori ribassisti restano “intrappolati” perchè obbligati all’acquisto di quelle stesse azioni che pensavano sarebbero scese, in modo da coprire le posizioni ribassiste aperte precedentemente.

Lo short squeeze si verifica quando i venditori allo scoperto di un titolo, in questo tentativo di coprire le proprie posizioni, acquistano una grossa quantità di azioni o titoli rispetto al volume di mercato. L’acquisto di azioni con lo scopo di coprire le loro “short position” fa aumentare il prezzo delle azioni allo scoperto, spingendo così altri investitori a chiudere repentinamente le posizioni aperte al ribasso, accettando una perdita. Nella fase finale dello short squeeze, il mercato mediante progressivi ribassi ritorna al valore reale e si riassesta. I titoli particolarmente interessati da fenomeni di short squeeze sono caratterizzati anche dall’avere un’ampia liquidità disponibile. Qulora invece, il titolo non sia particolarmente liquido sul mercato, tali improvvisi cambiamenti di prezzo, possono essere ulteriormente esacerbati dalla mancanza di titoli per chiudere le posizioni aperte. 

Short Squeeze
Short Squeeze: cos’è e come funziona

Vantaggi e Rischi

Effettuare degli investimenti finanziari in concomitanza di uno short squeeze è una manovra particolarmente difficile e rischiosa, adatta a investitori con un profilo di rischio elevato. In alcune fasi, se si è particolarmente esperti, si possono raggiungere dei buoni profitti. Gli esperti del settore riescono ad individuare infatti il momento giusto per poter investire. Il rischio è che l’instabilità del mercato finanziario e i falsi segnali conducano a un’azione di Margin Call in poco tempo.

Come Riconoscere e Prevedere uno Short Squeeze

Identificare una situazione di short squeeze richiede notevoli doti di money management, di gestione del rischio e perfetta conoscenza dello strumento finanziario che si sta trattando. I trader cercano di individuare le azioni ipervendute attraverso degli indicatori sui grafici come RSI e il Williams %R. Un importantissimo indicatore da studiare è sicuramente il volume degli scambi. Diversi sono gli algoritmi e gli oscillatori che permettono di avere indicazioni sugli andamenti dei volumi che, accompagnate a uno studio dei prezzi, permettono di anticipare i momenti in cui possono verificarsi tali esplosioni di volatilità. 

In sintesi, indentificare uno short squeeze e cavalcarlo a proprio favore richiede sangue freddo nell’affrontare ampie oscillazioni di prezzo in un timeframe limitato a pochi minuti o poche ore, cercando di individuare la direzione di fondo, non facendosi influenzare dalle oscillazioni. Ma è necessario anche interpretare velocemente gli aggiornamenti dei fondamentali a seguito ad esempio di comunicazioni trimestrali da parte delle società quotate o notizie “market-mover” o infine di dati macroeconomici rilevanti nell’agenda giornaliera.

Quando Viene Utilizzato lo Short Squeeze?

Viene utilizzato per sfruttare l’effetto leva, amplificando ulteriormente i potenziali benefici di un investimento su un titolo e sfruttando solamente un margine di intermediazione per gestire una posizione finanziaria più ampia.

Perchè e Come Investire in uno Short Squeeze

Uno dei principali motivi per investire nello short squeeze è quello di ottenere importanti profitti investendo soltanto un margine rispetto al totale della posizione. Per poter investire in maniera ottimale è necessario identificare i titoli con maggiore appeal per le vendite allo scoperto, analizzare i dati delle società di interesse. È fondamentale monitorare costantemente i comunicati dei principali investitori e l’agenda giornaliera in cui sono attesi. Non è importante investire grosse cifre in quanto il primo rialzo porterà comunque a profitti interessanti se correttamente gestito. 

Considerazioni Finali

Lo short squeeze inizia quando i prezzi improvvisamente cambiano direzione e vanno in maniera inaspettata verso l’alto. È una reazione pressoché fisiologica in particolari condizioni di mercato nel momento in cui si verificano contemporaneamente variazioni di prezzo, volumi che obbligano a chiudere le posizioni generando una reazione a catena che può risultare incontrollata per un periodo limitato di tempo alterando l’equilibro di mercato. Gli short squeeze possono rappresentare un importante rischio di perdita per gli investitori che utilizzano strategie di vendita allo scoperto (o short selling).

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 2 Media: 4]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here