Spostamenti nelle Seconde Case in Epoca Covid: Ecco Cosa Dice la Normativa

In molti si chiedono se attualmente sia possibile spostarsi presso le seconde case anche qualora si fosse residenti in luoghi dichiarati in zona rossa o arancione, o nel caso la seconda abitazione fosse localizzata in un’altra regione. Scopriamo insieme come comportarsi in base alla normativa attuale che regola lo spostamento verso le seconde case.

Spostamenti da zona arancione e zona rossa

In base a quanto previsto dal dpcm emanato il 15 marzo 2021 e in vigore fino al 6 aprile non sono stati fatti grandi cambiamenti per quanto riguarda lo spostamento verso le seconde abitazioni, in quanto il decreto autorizza il rientro alla propria abitazione o nella seconda casa sia in caso essa si trovi all’interno della stessa regione che in un altro luogo. Ovviamente in ogni caso questo spostamento deve essere giustificato tramite apposita autocertificazione che andrà compilata nella maniera più opportuna. Si parla di rientro poiché questa possibilità è offerta esclusivamente a tutti coloro che possono dimostrare di abitare per un gran parte dell’anno in quel determinato posto e non per tutti.

Ci si potrà recare presso la seconda casa anche a Pasqua?

Queste regole rimarranno in vigore anche durante le festività pasquali, dove in tutta Italia verranno applicate le norme relative alla zona rossa con la sola eccezione di potersi recare a far visita di parenti e congiunti una volta al giorno rispettando gli orari previsti dal coprifuoco. Ogni spostamento verso una seconda casa è attualmente concesso solo a chi possiede un titolo riconosciuto dallo Stato, che per essere valido deve essere stato stipulato con una data antecedente al 14 gennaio 2021.

Limiti ed eccezioni

Da gennaio le seconde case possono essere dichiarate come luogo di residenza o domicilio senza alcun tipo di limitazione, poiché comunque se si riesce a comprovare di abitare per più mesi all’anno in quella determinata abitazione, essa non può essere esclusa dalla lista di locazione. Gli unici limiti presenti sono quelli riservati a tutti coloro che non appartengono al nucleo familiare di chi risiede presso questa seconda abitazione, ed è importantissimo poter esibire un’autocertificazione che deve necessariamente riportare informazioni veritiere, poiché altrimenti si dichiara il falso e si potrebbe incorrere in multe davvero salate. Bisogna prestare molta attenzione alle deroghe regionali e comunali, in quanto ogni regione potrebbe avvalersi di ulteriori norme restrittive per tutelare la salute della comunità e quindi è molto importante visitare costantemente i siti regionali per valutare la situazione della propria regione.

spostamenti seconde case
Spostamenti seconde case

Seconde case e zona rossa

Come abbiamo anticipato nei paragrafi precedenti, secondo il decreto che attualmente risulta essere in vigore ogni nucleo familiare può spostarsi verso una seconda abitazione a prescindere dal colore della regione, in quanto è autorizzato qualsiasi tipo di spostamento verso una seconda casa in zona bianca, gialla, arancione o rossa.

Questa regola però non vale per le case che vengono affittate per pochi mesi all’anno, in quanto per usufruire di questa possibilità bisogna essere in grado di dimostrare che si è proprietari della casa, oppure che sia presente un contratto di affitto a lungo termine che deve essere stato obbligatoriamente stipulato prima del 14 gennaio 2021. Un’altra grande prerogativa che permette ai proprietari o agli affittuari di lunga data di accedere ad eventuali seconde case, consiste nella possibilità di dimostrare che queste non siano abitate da altre persone, in quanto in questo caso decadrebbe ogni potere e il nucleo familiare, anche in caso di proprietà, non potrebbe rifugiarsi presso questa seconda dimora.

Ricordiamo ancora una volta l’assoluta necessità di consultare i siti regionali o provinciali, in quanto in base all’indice di contagio e alla presenza di infetti in crescita le regioni sono autorizzate a stanziare dei provvedimenti autonomi che, in alcuni casi, possono limitare la possibilità di recarsi presso le seconde abitazioni, e quindi è bene informarsi prima di esporsi ad eventuali sanzioni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here