Estratto Conto: Cos’è, Come Vederlo e Come Richiederlo

L’estratto conto è un documento di particolare importanza per tutti coloro che hanno un conto corrente aperto presso la banca o le Poste, in quanto consente di controllare i movimenti che sono stati rilevati in entrata e in uscita sul proprio conto. Ecco di cosa si tratta in dettaglio, come leggere i dati in esso contenuti e come fare in modo di riceverlo periodicamente.

Cos’è l’estratto conto

L’estratto di conto corrente è un documento ufficiale emesso dalla banca o dalle Poste nel quale sono riportati i movimenti effettuati sul conto in un certo periodo di tempo, solitamente un mese o un trimestre. È utile per tenere traccia di tutte le operazioni in entrata e in uscita così da poter monitorare la situazione finanziaria di periodo, controllare e valutare le spese, oltre che accorgerti tempestivamente di eventuali frodi o errati addebiti.  In questi e in ogni altro caso di errore, hai tempo sessanta giorni per una formale contestazione scritta, in mancanza della quale l’estratto conto si ritiene approvato.

Come leggere un estratto conto

Per verificare la correttezza delle operazioni riportate è fondamentale saper leggere l’estratto conto bancario o postale. Innanzitutto, è possibile leggere in alto a sinistra il nome della banca insieme ad alcuni dei suoi dati societari. A destra, invece, si trovano le informazioni relative al rapporto di conto corrente, cioè l’IBAN, il tipo di conto sottoscritto e l’indicazione della filiale di riferimento.

Poco più in basso compaiono il nome e l’indirizzo del correntista. Ti potrà capitare che qualche banca riporti in prima pagina un riepilogo dei saldi per quel periodo prima di procedere all’elencazione di dettaglio.

Arrivando poi all’estratto conto vero e proprio, tutte le operazioni sono esposte in ordine cronologico in una sorta di tabella con l’indicazione della data contabile, della data valuta, e degli importi in entrata e in uscita, questi ultimi riportati in due colonne separate così da rendere più chiara ed immediata la consultazione. Ogni riga corrisponde ad una operazione, di cui viene fornita anche una descrizione esaustiva per una facile comprensione del singolo movimento.

Nell’elenco delle operazioni puoi quindi trovare gli accrediti di stipendio o pensione, l’incasso di assegni, i pagamenti effettuati con bonifico o con assegno, gli addebiti delle domiciliazioni (ad esempio per le utenze), le spese effettuate con carta di debito e carta di credito, l’addebito delle rate di finanziamento e mutuo. Nelle pagine finali sono riportati il dettaglio degli eventuali interessi attivi maturati (che saranno poi accreditati l’anno successivo), o degli eventuali interessi passivi da pagare sulle somme a debito, oltre al riepilogo delle spese per la gestione del conto, che dipendono dalla banca e dal tipo di conto sottoscritto. Se la giacenza media del conto corrente supera le 5.000 euro, tra le spese troverai anche l’imposta di bollo che, per i privati, è pari a 34,20 euro annui. I dati sulla giacenza non sono obbligatori, alcune banche li riportano in fondo all’elenco dei movimenti, altre invece li mettono a disposizione in un documento separato e fornito a richiesta del correntista (ti servirà per richiedere l’ISEE).

estratto conto
Estratto conto

Come richiedere l’estratto conto

Fino a non molto tempo fa l’estratto conto veniva fornito esclusivamente in formato cartaceo tramite posta e per questo servizio la banca addebitava le spese di invio. Oggi invece puoi scegliere se continuare a ricevere l’estratto conto cartaceo oppure passare al formato digitale: in quest’ultimo caso la banca mette a disposizione il documento nella tua area riservata cui puoi accedere da internet banking o da mobile banking se la tua banca lo prevede.

La consultazione, il download e il salvataggio dell’estratto conto, in questo modo, sono completamente gratuiti, non prevedono spese di invio e i documenti sono sempre reperibili in qualunque momento in caso di necessità. In alternativa, è possibile recarsi in filiale e richiedere la stampa del documento cartaceo, ma questo di solito ha un costo maggiore che verrà addebitato direttamente sul tuo conto corrente.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here