Coordinate Bancarie: Cosa Sono e Come Trovarle dal Proprio Home Banking

Quando decidiamo di aprire un conto corrente ed effettuare le normali operazioni di pagamento, ci vengono fornite o richieste le cosiddette coordinate bancarie. IBAN, BIC e SWIFT sono solo alcuni degli acronimi con cui quasi quotidianamente entriamo in contatto e che spesso destano qualche confusione in materia di operatività bancaria. Nelle prossime righe vediamo cosa sono le coordinate bancarie, come si compongono e dove possiamo trovarle.

Coordinate bancarie: cosa sono

Con il termine coordinate bancarie si intende un codice alfanumerico finalizzato a identificare in modo preciso e senza margine di errore un determinato conto corrente aperto presso una qualsiasi banca. Detto in maniera semplice, le coordinate bancarie rappresentato l’indirizzo del tuo conto e sono fondamentali per effettuare anche le più semplici operazioni, come ricevere e inviare bonifici o farsi accreditare lo stipendio e la pensione.

Per effettuare queste operazioni bancarie avrai dunque bisogno di conoscere le coordinate della persona che riceverà il bonifico o, al contrario, dovrai fornire le tue personali per ricevere denaro. Normalmente, assieme alle coordinate bancarie è necessario fornire anche il nome e cognome dell’intestatario del conto corrente che riceverà il bonifico. Bisogna dunque fare molta attenzione a fornire le informazioni corrette per evitare di inviare soldi alla persona sbagliata o di non ricevere gli accrediti previsti.

coordinate bancarie
Coordinate bancarie

Da cosa sono composte

A partire da gennaio 2008, con l’introduzione dell’area SEPA (Single Euro Payments Area), le coordinate bancarie sono ufficialmente costituite dal codice IBAN (International Banck Account Number).

L’IBAN è dunque un codice identificativo riconosciuto a livello internazionale che consente di effettuare o ricevere i pagamenti di cui abbiamo parlato precedentemente. In Italia, il codice IBAN è comporto da 27 caratteri (di cui 3 lettere e 24 cifre), ma questo numero può variare a seconda del paese dove è stato aperto il conto corrente, fino a un massimo di 34 caratteri.

Un normale codice IBAN italiano può apparire così: IT60X0532811101000000123456. Questa lunga serie di numeri e lettere non è casuale, ma segue un rigido schema affinché non esistano mai due codici IBAN identici.

Entrando più nel dettaglio, i primi quattro caratteri rappresentano il paese (in questo caso Italia) e il numero di controllo a due cifre. A questo, segue il CIN, ovvero il codice a una sola lettera (X in questo esempio) che ha una funzione semplicemente di controllo. Successivamente troviamo 5 numeri che identificano l’istituto bancario (ABI), e altri 5 che identificano la filiale (CAB). Infine, il codice termina con 12 cifre che rappresentano il numero effettivo del proprio conto corrente.

Una nota importante riguarda i bonifici extra SEPA, ovvero bonifici da e verso paesi esteri, in particolare extraeuropei; in questo caso il solo codice IBAN non basta ma dovrai disporre o comunicare anche il codice BIC/SWIFT. Solitamente questo codice è composto da 11 caratteri e, al contrario del codice IBAN che è personale e identifica il proprio conto, il codice SWIFT è identificativo della banca, dunque uguale per tutti i clienti di uno stesso istituto.

Coordinate bancarie: come trovarle nel proprio home banking

Dopo aver chiarito cosa sono le coordinate bancarie e come si compongono, arriviamo al punto cruciale: dove trovo le coordinate del mio conto corrente? Normalmente all’apertura di un conto presso una banca, questa rilascia un cartoncino tascabile, insieme al classico modulo riepilogativo, dove puoi trovare tutte le informazioni per effettuare o ricevere pagamenti, tra cui il codice IBAN. Inutile dire che spesso non si ha con sé questo foglio e non si ha nemmeno tempo di cercarlo.

In questi casi è molto facile reperire le proprie coordinate bancarie tramite il servizio di Home Banking. Sebbene la posizione delle proprie coordinate all’interno del sito o dell’app varia molto a seconda dell’operatore bancario, nella maggior parte dei casi sarà sufficiente effettuare il log in alla propria pagina personale e nella prima schermata che appare si può già da subito controllare il proprio IBAN, che solitamente compare sotto il saldo del conto corrente.

Nei casi in cui il codice non sia immediatamente visibile all’interno della schermata riepilogativa, sarà facile trovarlo all’interno della sezione pagamenti e bonifici oppure in quella denominata carte e conti. Per quanto riguarda il codice BIC/SWIFT, necessario per bonifici extra SEPA, questo può essere trovato facilmente insieme al codice IBAN, oppure può essere cercato direttamente su internet essendo, come detto prima, uguale per tutti i clienti di una stessa banca.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here