I Migliori ETF sul Caffè: Quali Sono, Analisi, Conviene?

Gli ETF (exchange-traded fund) sono fondi d’investimento quotati in borsa. Hanno basse commissioni e la particolarità di essere a gestione passiva. Ciò significa che hanno lo scopo di replicare in maniera fedele l’andamento di materie prime, mercati o indici azionari. Nella Borsa Italiana, gli ETF che suscitano particolare interesse da parte degli investitori sono quelli sul caffè. Il caffè è una delle materie prime più commercializzate al mondo, il cui prezzo però ha subito un notevole decremento, soprattutto negli ultimi anni. Per questo motivo gli investitori hanno trovato particolarmente attraente investire in questo tipo di ETF, nonostante sia un mercato con molte oscillazioni.

Gli ETF Caffè (Coffee Exchange Traded Fund), attualmente presenti in borsa, replicano tutti lo stesso indice del prezzo del caffè, ossia il Coffee Subindex Return gestito da Bloomberg, una delle società di gestione finanziaria più stimate al mondo. Questo indice, attraverso particolari calcoli, fornisce un prezzo medio del caffè, adeguandosi automaticamente alle quantità ed ai prezzi dei principali mercati dove questa materia prima viene commercializzata.

Conviene Investire sul Caffè?

Gli ETF Caffè sono strumenti che possono risultare davvero vantaggiosi per un investitore. Innanzitutto sono molto economici. È, infatti, risaputo che sono tra i prodotti con le più basse commissioni applicate. Inoltre, a seconda di leve finanziarie più o meno forti (che vedremo tra poco), l’investitore ha la possibilità di modulare il proprio investimento come meglio crede.

Non tutti gli investitori, però, possono trovare conveniente l’utilizzo di un prodotto come quello degli ETF Caffè. Per capire chi sono coloro che decidono di investire in questi strumenti, bisogna prima comprendere il loro funzionamento. Esistono, infatti, ETF Caffè senza leva (quindi non aggiungono o tolgono nulla all’andamento dell’indice replicato) ed ETF Caffè a leva due tre (ovvero moltiplicano l’indice, rispettivamente, per due o per tre). È facilmente intuibile, pertanto, come la leva finanziaria potrebbe non solo moltiplicare gli eventuali guadagni ma anche, e purtroppo, le eventuali perdite, aumentando così i rischi.

La convenienza o meno ad investire in ETF Caffè, dunque, dipende dal tipo di investitore. Colui che trova conveniente questo tipo di prodotti, infatti, è un investitore con un alto profilo di rischio, disposto a destinare i suoi capitali in prodotti parecchio speculativi. A ciò, devono essere aggiunte altre tipologie di rischi, tipiche di tutti gli investimenti in prodotti agricoli. Le forti e imprevedibili oscillazioni del mercato fanno sicuramente parte di questi rischi. Altri possono essere le condizioni atmosferiche, scioperi e la situazione politica dei Paesi produttori, tutti aspetti che incidono fortemente sul prezzo del caffè.

Come Investire sul Caffè sulla Borsa Italiana

Gli ETF Caffè possono essere comprati attraverso intermediari che consentano l’accesso al mercato ETF della Borsa Italiana. Esistono due strade da poter scegliere. Vediamole nel dettaglio.

Investire Attraverso una Banca o un Broker Bancario

Gli istituti finanziari ed i broker bancari, che offrono depositi di titoli, consentono anche di investire in ETF Caffè acquistabili e vendibili nella Borsa Italiana. Investire con questa modalità, però, potrebbe comportare ulteriori costi. Spesso le banche, infatti, chiedono commissioni ulteriori per l’acquisto e la vendita degli ETF, rendendo così più costoso e poco vantaggioso questo tipo di investimento.

Investire Attraverso le Piattaforme di Broker Online

È possibile investire in ETF Caffè anche attraverso i cosiddetti broker online. La maggior parte dei broker di questo tipo offre la possibilità di poter acquistare e vendere ETF, tra cui ETF Caffè, in maniera molto più conveniente rispetto ad una banca o un broker bancario. Ciò grazie all’applicazione di commissioni molto basse. Un altro vantaggio di investire in questo modo è la possibilità di ottenere buone garanzie per i capitali investiti.

ETF Caffè
I Migliori ETF sul Caffè: Quali Sono, Analisi, Conviene?

I Migliori ETF sul Caffè

Vediamo adesso quali sono i migliori ETF sul caffè. Ne prendiamo in considerazione tre che differiscono tra di loro a seconda della leva finanziaria, tutti emessi da WisdomTree e con una strategia long.

Wisdomtree Coffee è un ETF adatto a chi sta cercando un prodotto semplice ma allo stesso tempo garantito e solito. Nato nel 2006, è il più popolare tra gli ETF, senza leva e con ISIN GB00B15KXP72. La sua valuta di base, infine è il dollaro americano.

WisdomTree Coffee 2X Daily Leveraged, nato nel 2008, è un ETF sul caffè a leva 2. Offre, quindi, rendimenti doppi rispetto all’indice replicato. Tuttavia, a causa della leva, comporta costi di gestione superiori rispetto a quello precedente. Ha ISIN JE00B2NFTD12 e la valuta base, anche in questo caso, è il dollaro americano.

WisdomTree Coffee 3X Daily Leveraged, emesso nel 2015, è un ETF a leva 3 con ISIN JE00BYQY3Z98. Permette, dunque, la possibilità di triplicare l’andamento dell’indice replicato. Ha il dollaro americano come valuta base e le stesse commissioni di gestione del precedente ETF Caffè. È particolarmente adatto per tutti gli investitori con un alto profilo di rischio, i quali decidono di investire in questo ETF perché sicuri dell’aumento del prezzo del caffè.

Come Scegliere il Miglior ETF

Per individuare il miglior ETF si può fare rifermento a diversi criteri di valutazione. Primo fra tutti è la dimensione del fondo ETF: un fondo di oltre 200 milioni di euro è sicuramente più redditizio di uno da 15 milioni di euro, in quanto presenta una maggiore efficienza economica. Inoltre, è importante scegliere un fondo quotato da diversi anni, in modo da poter confrontare i dati storici dello stesso.

Altro aspetto da prendere in considerazione è il profilo di rischio: un rischio basso comporta rendimenti bassi, un rischio elevato comporta rendimenti più remunerativi. Importante, infine, sono i differenziali di tracking: un buon ETF, infatti, offre un rendimento il più possibile vicino a quello dell’indice replicato, al netto dei costi di gestione.

Considerazioni Finali

Nonostante sia uno strumento ad alto rischio, gli ETF Caffè sono un buon modo per investire, soprattutto se viene utilizzata una buona strategia che tenga conto dell’andamento storico dell’asset e quelle che potrebbero essere le sue previsioni future.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here